Secondo quanto riportato dalla Banca Centrale Europea nel suo report mensile sulla bilancia dei pagamenti del turismo, nel mese di agosto le entrate valutarie derivanti dal settore sono cresciute del 6,5% rispetto allo stesso periodo 2010, raggiungendo i 2 miliardi 378 milioni di euro. Si conferma che il turismo è un settore chiave per la Grecia che vale 230 miliardi di euro, un quinto del Pil del Paese. La spesa media dei turisti è di 709 euro, cifra che rappresenta un incremento dello 0,2%, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I visitatori, ad agosto, sono stati 3 milioni 353mila, in aumento di 6,2 punti percentuali. La maggioranza dei ricavi turistici in Grecia è generata dai flussi provenienti dall’Unione europea, che quest’anno sono cresciuti dell’8,7% rispetto al 2010.